Cavolfiore stufato

“Bastaddi affucati”

bastaddi affucati 2

Ricetta tipica catanese, il cavolfiore si cucina con l’acqua che rilascia lo stesso ortaggio, insieme al pepato e alla cipolla che lo rendono molto gustoso, si aggiunge poca acqua.

Da qui il nome di  “bastaddu  affucatu”.  Può essere un contorno, un ottimo condimento per un piatto di pasta tipo fusilli o maccheroni rigati, ma è perfetto come ripieno delle scacciate che sono le regine delle nostre tavole durante il periodo natalizio.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 cavolfiore   grosso;
  • 150 gr. di pepato duro;
  • 1 mazzo di cipolla lunga;
  • Sale q.b.;
  • 3 cucchiai di Olio extra vergine di oliva;
  • 2 bicchieri di acqua naturale;
  • 1 bicchiere di vino rosso.

Preparazione:

  1. In una pentola metti la cipolla lavata e  tagliata  a listelli.
  2. Aggiungi  il cavolfiore già lavato e tagliato a pezzi ,il pepato duro a pezzetti, un pizzico di sale, l’olio e.v.o. a  strati.
  3. Infine aggiungi i due bicchieri d’acqua e metti sul fuoco per circa 50 minuti e copri con un coperchio.
  4. A cottura quasi ultimata sfumare con il vino rosso.

Buon appetito!

Note: si possono aggiungere anche delle acciughe secondo il proprio  gusto.

Io preferisco non aggiungerle in quanto il pepato è già salato e da sufficiente sapore.

COTOLETTE DI MELANZANE
LA CAPONATINA